Fukushima: indicatori di possibilità del nuovo anno energetico (marzo 2011)

La considerazione di un reale che incombe sulla salute e nell’equilibrio degli individui, non deve essere collocata nell’ambito degli allarmismi quanto piuttosto nella possibilità che può esservi di riflettere sull’andamento e sull’agire in contrapposizione al danno portato.

Questo è il senso del bene.

(Dialoghi fraterni, 11 marzo 2011)

1. Un inizio esplosivo

Certamente il nuovo anno energetico, cominciato con la luna nuova del 4 marzo, non possiamo certo dire che sia avvenuto nel miglior auspicio, tuttavia bisogna considerare che tutto quello che avviene deve essere visto in una prospettiva più ampia perché se ne possa cogliere il reale valore che porta con se.

Nella premessa, vorrei dare alcune indicazioni che potrebbero essere utili in questo periodo.

(Continua a leggere)

Time line (CRE17)

C’è stato un tempo dove mi hai offeso, mortificato, legato a un destino che non avevo scelto con la ragione dello Spirito. Ero la tua vittima sacrificale, il tuo assillo.
Per questo quando ti ho ritrovato ti ho amato. Per questo quando ti ho ritrovato ti ho protetto. Per questo quando ti ho ritrovato non ho più permesso che tu mi portassi ancora danno.
Per quell’amore che mi unisce al tuo percorso, ti restituisco quello che ti appartiene.

(dai dialoghi fraterni)

orizzonti temporali

L’orizzonte temporale è quell’apertura che osserviamo per assorbire o cedere una qualità energetica sulla quale stiamo lavorando.
Dal punto di vista di alcune tecniche energetiche, il tempo della pratica della tecnica è molto importante perchè in quel tempo vi è una particolare predisposizione dell’essere a ricevere o ad evacuare. Tuttavia nella nuova visione dei quanti energetici, questo tempo è inesistente, dal momento che il movimento non è più unidimensionale o per meglio dire rappresentabile in una funzione sinusoidale quanto piuttosto in una multidirezionalità multidimensionale che si effettua secondo un’intenzione o un’attrazione piuttosto che secondo un flusso di vuoto/pieno, in/out, prendere/dare e così via.
Questo è molto verosimile ma bisogna sempre che i concetti siano calati nel reale delle persone e della loro quotidianità perchè siano effettivi.
Dal momento che la teoria dei quanti studia un reale movimento energetico di cui ancora non vi è padronanza, è più utile procedere secondo un aspetto di predisposizione dell’essere di modo che ci sia un più pratico vantaggio nell’uso della tecnica.
Per questo, secondo la tecnica del Cre17, si evidenzia come il maggior effetto ci sia entro le ore 19.00. Questo significa che entro quest’ora c’è quel minimo di apertura all’assorbimento della tecnica tale da permettere un suo effettivo vantaggio. Oltre non è più possibile garantire questo effetto. Per comprendere meglio bisogna immaginare una porta che dalla mattina verso le sei è aperta in maniera sufficiente da permettere un passaggio,nverso lo zenith (12.00) raggiunge la sua massima apertura (intorno a quell’ora c’è il massimo dell’effetto) e dopo si ricomincia a chiudere per raggiungere verso le 19.00 il suo passaggio sufficiente.
Questo è valido per il sistema Cre17, per altre analisi si rimanda ad altro genere di considerazioni.

Giuseppina Bruno

Il motivo intrinseco della malattia

Ero triste, ho chiuso la mia sensibilità tra le costole, dentro i miei occhi e la malattia ha cominciato a divorare la mia carne.
Ho chiesto a un Angelo ” Per favore dimmi cosa non va? “.
Lui mi ha guardato e ha detto “Guarda la Realtà”.
Perchè nell’amare un fiore tu cerchi di proteggere la sua corolla ma sai che sarà destinato al tempo della terra, portato tra le dita di un bimbo e nella passione del vento per mille dimore prima di seccare o di marcire per creare nutrimento.

Perchè nell’amare una nuvola non puoi che riempirti lo sguardo ma sai che sarà libera di evaporare per un raggio di sole più intenso e svanire tra l’azzurro del cielo.

Perchè nell’amare un cuore non puoi legarlo al tuo volere. In quel modo ami te stesso, la tua vanità, il tuo egoismo, il tuo bisogno.
( dialoghi fraterni)
***********************************
La malattia è espressione di un malessere emotivo, inascoltato o non usato.
La rabbia occultata genera un blocco emotivo che si riversa non solo su un certo tipo di organo (il fegato) ma così come l’acqua di un fiume che cerca un suo corso per poter proseguire e defluire verso valle, l’energia bloccata continuerà l’agire seguendo una linea lunare o solare.
La prima linea corrisponde alla metà del corpo sinistro, la seconda al corpo destro.
L’eccesso di problemi in una parte genera la scelta della linea da seguire, questo andrà a determinare più precisamente quando agire in una cura o in un percorso e con quale tipo di rimedi e altre indicazioni che potrebbero essere importanti per correggere il disequilibrio.
Tuttavia, prima di evidenziare cosa potrebbe aiutare, è importante capire perchè si è creato questo genere di blocco emotivo.
In un’analisi svolta da Vanda Case, ho estratto questo elenco di alcune ragioni che possono essere causa di malattia, meglio definite come “motivi intrinseci della malattia (da psicosomatica e psicosintesi: luoghi di incontro)”.
L’analisi di questi motivi, potrebbe evidenziare una soluzione più rapida da per-seguire per raggiungere l’ambito benessere.
Giuseppina Bruno
__________________________________
Elenco di alcuni dei motivi intrinseci della malattia

q simbolismo della malattia.

q malattia che proibisce di fare qualcosa che inconsciamente

non si desidera fare o che permette di fare qualcosa.

q analogia tra la malattia e un problema del momento.

q rappresentazione attraverso il sintomo di una subpersonalità

che non è ancora emersa alla coscienza.

q la persona non sta seguendo il suo percorso, il corpo si

ribella.

q la malattia come inconscia richiesta di aiuto o addirittura

come ricatto.

q mezzo per scaricare aggressività.

q momento di rinnovamento.

q pausa di riflessione

q affermazione di se stessi

q qualcosa da risolvere

q rifiuto o aumento della propria sensibilità

q ricordarci di avere cura del corpo e quindi riposo

q espressione di un dolore profondo non elaborato

q negazione o rifiuto di qualcosa che è stato represso

q vendetta, punizione verso se stessi o verso gli altri

(estratti da Piscosomatica e Psicosintesi : luoghi di incontro, di Vanda Case)

Legge dell’Attrazione (LOA)

Attrazione e Desiderio : Sistema CRE17

Nell’ambito degli studi sull’attrazione, come ho già riflettuto più volte [1] per generare un magnetismo adatto all’attrazione materiale di quanto desiderato, non è solo necessario non desiderare senza ambito emotivo contrapposto (quindi con paura). Infatti, spesso perché l’energetica dell’individuo è interferita da molti altri fattori. Alcuni di questi sono costruttivi della sua realizzazione (anche il karma rientra tra questi), altri hanno un aspetto distruttivo che non fa che disorientare il movimento disperdendo quindi quell’attrazione necessaria a materializzare l’evento.

Studiando la direzione energetica ho potuto verificare come sia lo spostamento di questa direzione in relazione all’obiettivo prefissato a rappresenta quella dispersione che non permette di raggiungere lo stesso. È come se, perdendo il controllo di una strada, vagassimo nei campi intorno senza riuscire a rientrare nel percorso che ci eravamo prefissati oppure rientrassimo in strade secondarie che non ci portano a realizzare quell’obiettivo ma altri aspetti o surrogati.

Per rientrare nel percorso possiamo fare due cose. Uno è acquistare consapevolezza attraverso un lavoro interiore che ci consenta di capire meglio i nostri strumenti di navigazione e quindi usarli meglio. L’altro è quello di acquisire dei “correttivi” che ci permettano di focalizzare meglio la direzione, mappare il territorio, verificare il percorso, ritornare sulla strada.

Specifico ancora che non esistono scorciatoie o modi migliori ma predisposizioni per cui un metodo sarà più accessibile di un altro. Ad esempio se c’è un eccesso di energia mentale, il primo metodo potrebbe rilevarsi lungo e complicato. Sarà l’agire a portare l’individuo a dedurre un errore nel suo comportamento e non viceversa.

Parlando del secondo metodo, che è quello certamente più energetico, vorrei esplicare ancora qualche considerazione. Certamente la direzione può essere corretta attraverso “qualcosa” che sarà identificato nell’analisi energetica dell’individuo in relazione all’obiettivo, ma lo stesso correttivo potrebbe portare ad evacuare il pensiero del desiderio oppure variarlo proprio perché è un correttivo ed ha come unico scopo di riposizionare l’orientamento dell’individuo affinché egli giunga alla piena realizzazione.

Una tecnica per considerare questo correttivo energetico cosmico è basato sulla tecnica del CRE17 che è ancora in fase di sperimentazione. Se vuoi partecipare alla sperimentazione puoi scrivere una mail a info@energiamaya.com. Ti verrà inviato un foglio informativo per l’eventuale accesso al gruppo.

Giuseppina Bruno

[1] vedi articoli su sito http://www.energiamaya.com

6 gennaio 2011 (energia del riprodurre)

L’energia nella visione totale è un cerchio perfetto che si compone di differenti qualità o forze, ognuna delle quali è un’esperienza necessaria e fondamentale per il perfezionamento dell’essere.

Non vi è distinzione tra la provenienza di questa Forza, quanto piuttosto dalla funzione che essa svolge in termini generali sulla collettività che raggiunge o nella reazione particolare che forma con l’essere. Inoltre, l’energia è sempre presente nella dimensione dell’esistenza ma non sempre è ascoltabile da chiunque per una ragione di frequenza e di posizione eterica che funziona come il posizionamento dell’antenna di una radio nell’etere. L’antenna di ogni individuo è formata da differenti parti fisiche/energetiche e la sua potenza dipende essenzialmente dalla consapevolezza e dall’unione con la parte spirituale.

Una rappresentazione di questo insieme è il cerchio dell’energia, che fa riferimento a 9 tipi di energia fondamentali riguardo il percorso di guarigione dell’essere, aspetto fondamentale per la realizzazione e la sua felicità. In questo insieme è presente l’energia del riprodurre, intesa non solo in senso fisico ma anche in senso più generale come capacità di riportare sul reale l’aspetto creativo della mente e del Cuore.

Questa vibrazione corrisponde a una dinamizzazione di 20 ch negativi ovvero polarizzati sul polo dell’antimateria più specificatamente nell’aspetto energetico discendente (tratto rosso).

Si tratta quindi di agire in quella parte che è l’origine di quello che verrà, così come chi discende si lega a chi è stato, così l’energia che discende guarda verso il suo punto di origine.

C’è un difetto quindi nel passaggio dall’origine (punto di creazione) alla Via verso la Realizzazione.

Oggi alle 17.40 la discesa di questo tipo di energia riporta una correzione in questo percorso, per permettere il proseguimento del progetto e la sua riuscita.

Si può assorbire con differenti tecniche, può bastare anche un ascolto nella serenità di un momento dedicato, una preghiera, una qualsiasi forma di meditazione.

L’energia può essere indirizzata ad un progetto specifico oppure in generale verso l’intera esistenza, c’è da dire che se il progetto non è reale (non dimentichiamo il potere dell’illusione mentale nella vita di ogni persona) sarà la stessa energia ad allontanare questo pensiero dalla Vita della persona.

Sarà quindi sempre utile affidarsi all’energia proposta dall’Universo, una funzione positiva e realizzativa dell’individuo, qualsiasi sia la sua intenzione e la sua crescita.

L’esercizio proposto è quello di fermarsi qualche minuto prima dell’ora indicata, concentrandosi sul respiro per liberare ogni forma di pensiero mentale. Quindi, posizionati in piedi in apertura con le braccia e le gambe, immaginate tre sfere luminose dorate, verso le estremità delle mani (non sopra i palmi) e sulla testa. Ad ogni respiro le sfere si muovono in rotazione, convergendo verso il centro sul punto del Cuore. Ascolterete un senso di liberazione e di spinta verso l’alto. Restate in questo ascolto e poi piano aprite gli occhi.


L’energia non ha un colore specifico perché si adegua al bisogno di ogni individuo, ravvivando la qualità presente e più urgente per l’evoluzione dell’essere.

Buona festa della Luce.

EnergiaMaya