Del bene, del male

Ogni aspetto della realtà ci appare sulla base del nostro conoscere. Certamente siamo disposti a cambiare atteggiamento o visione quando siamo pronti nella conoscenza, altrimenti ci è difficile capire l’atteggiamento che supporta la visione stessa. Quello che possiamo comprendere è che la conoscenza è sempre guidata dalla condizione emotiva.
Dobbiamo considerare inoltre, che cosa viene definito “male” è una direzione oscura e cosa viene definito “bene” è una direzione luminosa. Ora, per un processo di dualità, cosa direste voi che è meglio per la Vita?
La Vita necessita di integrazione, per cui, spesso, chi opera visivamente in piena luminosità serve nel quantum di energia che crea, l’oscurità perchè opera nella divisione.
Vorreste voi essere schiavi di un meccanismo simile?