Incontro di Luglio Sui Kan

Quest’anno gli esercizi energetici del metodo Sui Kan, hanno avuto una profonda trasformazione in preparazione del decimo anno che l’anno prossimo, nel 2013, vedrà raggiunto un importante traguardo.
Gli appuntamenti estivi sono gratuiti e aperti a tutti  e volgono verso la preparazione strutturale di un importante autunno che sta giungendo con passo spedito per riportare ordine della deformazione che ha agito negli ultimi anni da un punto di vista mentale, energetico e infine fisico.
Sono molto soddisfatta del lavoro che abbiamo fatto quest’anno, dei cambiamenti positivi che ho potuto osservare in tutti coloro che si sono affidati a questo metodo.
Nell’esperienza che ho potuto acquisire grazie a questi incontri, soprattutto verso le critiche che mi sono state mosse da quanti erano infastiditi dalla creatività del metodo, ho realizzato la potenzialità che riescono ad esprimere questi movimenti basati soprattutto sulla potenza inespressa di chi li esegue. Abbiamo tutti un punto di energia che attende di divenire la forza espressiva del nostro essere. Gli esercizi energetici Sui Kan aiutano questo movimento.
Nell’appuntamento di ieri sera abbiamo lavorato nell’allineamento costruttivo della forza interiore che deve guardare verso l’espansione ma attraverso un movimento modulato che permetta di raggiungere l’intento e non disperda la sua energetica per un eccesso-difetto di forza anche quando questo sia intermittente. La modulazione è effettivamente una delle peculiarità più importanti dell’energetica.

Questo esercizio lavora sui due emisferi del cervello, riequilibrando le fasi yin e yang delle correnti energetiche. Si parte con la posizione come indicato in figura a lato. I palmi sono rivolti verso loro stessi, uno poggia sulla spalla e l’altro sul fianco. Si inizia partendo con il braccio che è sul fianco, mentre l’altro resta fermo, modulando il movimento verso l’alto (inspiro) e poi (girando il palmo verso la terra) verso il basso (espiro).  Quando percepisco che il braccio ha appreso il movimento in armonia con il respiro, muovo l’altro braccio facendo
un semicerchio davanti a me in andata e ritorno con il palmo della mano che volge sempre verso il corpo mentre l’altro braccio continua a salire e scendere in verticale. Questo movimento dalla descrizione complicatissima è in realtà molto semplice da fare una volta che si è appresa la tecnica. E’ molto utile per ripristinare il corretto equilibrio tra le forze che agiscono in direzioni contrapposte così come nell’evidenza yin – yang.

Grazie per l’affetto spontaneo di tutti quelli che partecipano agli incontri. Auguro a tutti un perfetto allineamento! Al prossimo appuntamento.