Il karma collettivo nei transiti planetari

Nella giornata di domani, 1 agosto, due transiti particolari (sole-plutone / venere-urano) porteranno stimoli sull’azione karmica collettiva del pianeta. Il karma, termine molto utilizzato negli ultimi decenni, è un’energia molto potente il cui significato è tutt’altro che facile. Possiamo intuire il movimento del karma nel ritorno o nell’eco che compie ogni nostro pensiero, energia, azione, pur sapendo che nella consapevolezza smorziamo quella parte di energia turbolenta che potrebbe crearci problemi e fastidi, a volte malattie e incidenti.
Il karma collettivo è qualcosa che riguarda il gruppo dell’umanità, nel suo complesso, al di là dei meriti personali o forse grazie a questi migliorato, ma è dell’unione che stiamo parlando, di quell’unità alla quale apparteniamo per tempo ed esperienza di vita.
Da domani, quindi, l’energia richiamerà una profonda trasformazione che è imposta dal Karma collettivo. Possiamo immaginare che riguardi la caduta del potere così come è stato immaginato dagli uomini, forse la caduta dei Governi, della loro autorità riconosciuta ma questa spinta riguarda anche un aspetto più intimo degli individui, legato all’affettività, ai legami romantici, alla bellezza ed armonia del sentimento utopico.

Per affrontare con consapevolezza ed attenzione questo momento, per i pratici di sui kan sia Plutone che Urano, nello stesso momento e in questo ordine (prima Plutone e poi Urano). Sette coppie di movimenti, nel momento centrale della giornata (mezzogiorno). Possiamo fare questo esercizio per cinque giorni di seguito.
Per i neofiti consiglio l’esercizio della spada (Mila Haske).
Meditazione consigliata : guarigione (box a lato).

Puoi scaricare la scheda di lavoro aderendo al gruppo degli esercizi Sui Kan.


www.energiamaya.com