Quanta energia disperdi?

In questi giorni agiranno alcune forze che potrebbero avere effetti sulla propria realizzazione.

Spesso non raggiungiamo quei risultati desiderati non per incapacità o merito ma per distrazione. Quanto permetti alle interferenze di agire su di te attraverso i pensieri che letteralmente ti trascinano verso direzioni non adeguate a quello che sei? Per raggiungere quello che ci siamo prefissati occorre avere chiarezza, sincerità, determinazione, questo è vero. Ma più di tutto occorre saper ascoltare tutto quello che arriva dall’esterno in maniera distaccata, “osservativa”.

L’esperienza ci mostra come nel momento in cui gli obiettivi diventano raggiungibili, si vengono a verificare tutta una serie di circostanze interferenti con il nostro procedere. Sarà questo il momento in cui arriveranno persone, esperienze, situazioni che turbano le emozioni per trascinarle in quei passi indietro. Ma questa energia cosa rappresenta? Perchè arriva così precisa e puntuale a distrarci dall’opportunità?

Tutte le creature terrestri conoscono questa forza, che agisce nel ricordare come è nella debolezza che vi sia forza e come nella forza c’è fragilità, per questo occorre cercare sempre e solo l’equilibrio. L’energia che disturba è quel “vento” che si crea nel cambiamento, il risucchio del vortice che porta da un piano all’altro, la forza di quella resistenza che una volta superata si trasformerà in uno slancio, una bella spinta.

Un metodo utile per affrontare questi cambiamenti è presentato nel libro dell’Ascesa,  in versione ebook a 3,00 euro.