Dalla fine del mondo all’inizio di una nuova Era

Mi trovo a scrivere queste righe poche ore prima dell’orario fatidico che vedrà passare questo momento, il più atteso e disatteso degli ultimi anni.
Ricordo che mio figlio nel 2006 è tornato a casa da scuola piangendo. Così ho cercato di capire cosa fosse successo. Un suo amico gli aveva detto che il mondo sarebbe finito nel 2012.

E’ diversi anni che parliamo delle profezie del calendario Maya, della fine del mondo, del pianeta X o Nibiru, delle tempeste solari che già a maggio di quest’anno avrebbero dovuto destabilizzare la tecnologia mondiale, di terremoti enormi e dei super vulcani, di enormi metereoriti che sfiorano la collisione con il nostro pianeta. Forse la Terra vuol riprendersi il suo tempo e il suo spazio?

Più recentemente si è iniziato a parlare di rinascita, portali energetici che dividerebbero il pianeta in due, ascensioni galattiche, passaggio dimensionale, quinta dimensione, evoluzione del dna. Forse l’uomo deve tornare ad esistere nella sua unità?

Da una parte abbiamo una serie di cose terribili che potrebbero distruggerci e dall’altra la possibilità di esercitare una forza attrattiva verso una condizone di evoluzione spirituale ed energetica.
Certamente non possiamo dire che siano false entrambe le correnti, come si fa ad avere strumenti adeguati per dire “no” o “si, è così”. Ci basiamo sulla conoscenza, in un piano illusorio che ci divide dal Reale e sulla nostra percezione, anch’essa legata al piano spirituale, alla nostra evoluzione.
Molti messaggi ci sono giunti in quest’epoca ma possiamo sempre dire che non siano stati condizionati dalla speculazione? Come immagine e come guadagno energetico, prima che materiale.

Tuttavia vedo in questa tendenza, la scissione tra la paura e la gioia, l’attrazione di una realtà o un’altra, oppure il restare concentrati nella condizione di realtà. Di crescita, di consapevolezza. Questo si può fare solo lavorando su di se e sulla propria condizione di conoscenza, non sul credere che qualcuno possa saperne più di noi stessi. Quello che arriva come informazione deve essere sempre filtrato dal nostro giudizio.

Questo solstizio penso che porterà grande chiarezza dal punto di vista della realtà, sarà in questo modo una rivelazione, spostando l’attenzione su quegli aspetti pratici, reali della vita e portando gli individui alla concentrazione sulle loro problematiche e soprattutto all’azione verso di essere.
Negli ultimi anni c’è stata una concentrazione di energia mentale eccessiva che ha portato alla maggiore diffusione di campi illusori, con l’aiuto dello strumento internet. Spesso ho sentito dire che in un certo modo questo è un movimento guidato, per far fuori la consapevolezza da parte di quella cerchia di persone che sarebbero i veri governatori di questo mondo. Dall’altra parte, come in qualsiasi percorso tantrico, è stato proprio l’eccesso a riportare l’equilibrio e molte persone hanno trovato giovamento dall’informazione e dalla conoscenza condivisa.

Nei prossimi giorni daremo una visione su quali saranno gli appuntamenti astronomici ed energetici del prossimo periodo e di cosa potremmo aspettarci dal punto di vista delle possibilità e aiuti cosmici.

Per oggi spero che la maggior parte delle persone possa vivere la RIVELAZIONE, così come avevo già scritto nel settembre 2008, perchè quel mondo condizionante e fuorviante di pensieri e parole non possa più agire sulla nostra reale capacità di agire e di cambiare prima di tutto noi stessi e poi la nostra realtà.