Ascolta e Sogna!

In questi giorni è presente un basso energetico che percepiremo soprattutto nelle fragilità presenti, ovvero in quel campo di esperienza dove siamo maggiormente carenti. Tuttavia, come ho già spiegato molte volte, questa pressione energetica è come una pioggia di stelle che benedice molti aspetti della nostra vita creando un’abbondanza di nutrimento e di possibilità. Nonostante questo, per problemi creati dall’interferenza e dalla mancanza di connessione con la realtà, gli uomini ascoltano questa abbondanza come una pressione che li opprime e li rende apatici nei confronti di quello che capita.

Infatti, se fate attenzione, sono in questi giorni dove alcune situazioni economiche e politiche si muovono maggiormente (purtroppo a danno dell’umanità spesso distratta da altre cose molto inutili ma percepite come fondamentali). C’è bisogno di crescere nella consapevolezza e nella percezione della Realtà ma questo aspetto non si può fare prendendo la pillola rossa per uscire fuori dalla caverna: bisogna lavorare su se stessi, spesso mettendo da parte il mentale per agire su una ricostruzione energetica che diventa il tempio dove è possibile custodire l’Anima. So bene che non è così: molte persone mi chiedono del loro futuro come se fosse in questa risposta la loro determinazione ad essere ed esistere. Altri pretendono di risolvere tutti i problemi parlandoti per mezz’ora. Alcuni vogliono solo “succhiare” un po’ di energia per sentirsi meglio nel continuare a fare quello che hanno sempre fatto. Ci va un po’ di senso critico che è anche giudizio e va usato prima di tutto per discernere, distinguere, quindi scegliere.

Questo indottrinamento che hanno imposto attraverso tutti gli strumenti possibili del “non giudicare”, è stato un atto di deliberata manipolazione per riportare quella confusione del tutto possibile che è l’antitesi del niente possibile perchè il tutto e il niente non sono altro che la rappresentazione simbolica della stessa realtà con la differenza che dove tutto è possibile la tua capacità di agire è impossibile mentre quando tutto è impossibile la tua capacità di agire è TOTALE. Questa confusione, pericolosa prima di tutto per la disconnessione con la nostra realtà fondamentale che possiamo vedere nell’essenza è qualcosa che pagheremo con la schiavitù che prima o poi tutti percepiremo come reale.

I giorni che seguono saranno fondamentali al movimento e se anche abbiamo fragilità energetiche o mentali, c’è un aspetto che resta preservato perchè fuori dal controllo della mente: l’astrale. Alcuni esercizi possono stimolare il ricordo di sogni e immagini attraverso cui il nostro astrale cerca di comunicare con noi. Sono simboli e percezioni che comunque, anche se non ricordiamo, restano impresse nella nostra essenza energetica e possono produrre cambiamenti significativi e importanti nel nostro modo di capire e agire.

Alcuni di questi esercizi sono contenuti nella raccolta Sui Kan, movimenti planetari, in particolare nel movimento di Nettuno.

Buon lavoro a tutti.